NESSUN DIO IN VISTA
Genere: raccolta di racconti
Voto: 4,5 / 5
Autore: Altaf Tyrewala
Anno: 2005
Titolo originale: No God in Sight
Trama
La narrazione si snoda in una serie di brevi racconti concatenati che tracciano un percorso nella quotidianità di una metropoli da 20 milioni di abitanti. I personaggi non sono casuali bensì frutto dell'accurata scelta dell'autore che fa raccontare loro gli aspetti della realtà del XXI secolo che più gli interessano. Senza mai nemmeno nominarli, dagli interventi dei singoli personaggi che fissano un momento della loro vita sulle pagine di questo libro, emergono le contraddizioni, i problemi e le difficoltà legate al lavoro, alla società, alla religione, alla condizione giovanile e alle questioni di genere nella loro declinazione quotidiana.
La lettura è scorrevole grazie al genere del racconto breve e avvincente per la concatenazione di eventi e personaggi che riproducono su carta la vita di Mumbai fatta di intrecci, relazioni e incontri. 
Altaf Tyrewala
Nacque nel 1977 a Mumbai, dove vive tuttora dopo aver compiuto i suoi studi negli Stati Uniti. Questo è il suo primo romanzo, seguito poi da:
  • Ministry of Hurt Sentiments - 2012
  • Mumbai Noir - 2012
  • Karma Clown - 2016
Per chi...
  • Vuole immergersi nella vita quotidiana di una Mumbai contemporanea
  • Vuole rivivere Mumbai
  • E' appassionato di racconti
  • Vuole conoscere una parte di India
[...] Non conosco l'urdu. Non conosco l'urdu e non perdonerò mai i miei genitori per questa pecca. Non li perdonerò mai per l'educazione arida che mi hanno dato, priva di cultura e bellezza... niente musica, nessuna idea, niente. Il denaro, il denaro è l'alfa e l'omega dell'arte in cui i miei antenati si sono dilettati.
[...] Mamma e papà erano confusi di fronte ai miei sfoghi: "La donna che amo non mi vuole sposare perché sono uno zoticone! Sai come ci si sente, eh papà? Doordarshan, film in hindi, canzoni in hindi... non mi avete dato altro. E io perderò la donna che amo perché a voi due non fregava niente degli aspetti più elevati dell'esistenza!"
87