Siddhartha
Genere: romanzo di formazione
Voto: 4 / 5
Autore: Herman Hesse
Anno: 1922 (I edizione italiana 1945)
Titolo originale: Siddhartha. Eine indische Dichtung
Trama
India, VI secolo a.C. Siddhartha e il suo inseparabile amico Govinda sono due giovani bramani dediti ad una vita di preghiera e studio. Adolescenti, sono costantemente alla ricerca di qualcosa che dia un senso alla loro esistenza. Questa ricerca li porta prima ad abbandonare famiglia e averi per dedicarsi a una vita ascetica e di rinuncia, da eremiti, poi ad avvicinarsi alla dottrina del Buddha, l'Illuminato, che predicava la via per la salvezza e infine a immergersi completamente nei piaceri della vita terrena. Queste esperienze li guideranno nel cammino della vita e, forse, permetteranno loro di comprenderne il senso. 
La storia del protagonista Siddhartha ripercorre in modo indiretto la vita del Buddha, che fa parte del contesto storico-culturale in cui il racconto è ambientato, e affronta in modo critico i temi maggiori delle vie della liberazione senza perdere i tratti del tipico romanzo di formazione.
Herman Hesse
Nasce in Germania nel 1877, scrittore e poeta vicino alle teorie filosofiche del suo tempo, in particolare dei connazionali Schopenhauer, Nietzsche e Heidegger. Studioso di filosofia orientale, è autore di numerose opere in prosa e in versi. Nel 1946 vinse il premio Nobel per la letteratura.
Sul romanzo è stato scritto...
"Chi legge Siddhartha vedrà come il contenuto ideologico esposto [...] si concreti agevolmente in immagini nitide e vive, e nel ritmo stesso della prosa, imbevuta di saggia pace contemplativa."
Massimo Mila
(traduttore della prima edizione italiana)
[...] Lungo tempo ho impiegato, o Govinda, e non ne sono ancora venuto a capo, per imparare questo: che non si può imparare nulla! Nella realtà non esiste, io credo, quella cosa che chiamiamo "imparare". C'è soltanto, o amico, un sapere, che è ovunque, che è Atman, che è in me e in te e in ogni essere. E così comincio a credere: questo sapere non ha nessun peggior nemico che il voler sapere, che l'imparare.
 
 
49