My Name Is Khan
Genere: drammatico
Voto: 4 / 5
Livello: medio
Regista: Karan Johar
Interpreti: Shah Rukh Khan, Kajol
Anno: 2010
Lingua: hindi
Trama
La storia inizia con un uomo che in un aeroporto americano viene perquisito e interrogato con particolare attenzione da parte dei poliziotti, e che dice di voler incontrare il Presidente americano per portargli un semplice messaggio: "My name is Khan and I am not a terrorist". Da qui Rizwan Khan, che è il protagonista, ci raccontra la propria storia: da bambino viene emarginato per il suo comportamento atipico dovuto alla sindrome di Asperger, un disturbo simile all'autismo, ma fin da subito dimostra un'intelligenza notevole. Dopo gli studi e dopo la morte della madre raggiunge il fratello negli Stati Uniti e qui consoce Mandira, di cui si innamora. La situazione diventa difficile quando, dopo l'attacco terroristico dell'11 settembre, nella vita quotidiana si insinuano la diffidenza e il razzismo nei confronti di qualsiasi immigrato e in particolar modo nei confronti dei musulmani, che Rizwan e Mandira vivono sulla loro pelle. Per questo Rizwan decide di incontrare il presidente.
Il film è piacevole e alterna scene drammatiche a scene divertenti e ironiche. L'interpretazione del protagonista affetto da sindrome di Asperger valse a Shah Rukh Khan numerosi premi come miglior attore nel 2010, e ha contribuito alla diffusione di una storia impegnata e di attualità, che tenta di descrivere i fatti del 2001 da un punto di vista non tipicamente occidentale e un po' meno superficiale del solito.